open/close

Opere Civili

E' stato questo il primo importante settore di attivit à della Divisione Impianti e Progetti di DSV, che consiste nelle operazioni di logistica legate alla costruzione di dighe, strade, ponti ed edilizia abitativa (ospedali, case, aeroporti).

Dighe e condotte

Il primo progetto fu quello della diga di Kariba sul fiume Zambesi in Zimbabwe (ex Rhodesia), per il quale la Divisione Impianti e Progetti organizzò il trasporto di materiali e macchinari per conto della Impresit (oggi Impregilo), incaricata della costruzione. I lavori per quest’opera civile alta 128 metri e con un’arcata di 579 metri iniziarono nel 1956 e terminarono quattro anni dopo, nel 1960.

La Divisione Impianti e Progetti di DSV ha seguito anche la logistica di molte altre grandi dighe (Tarbela / Pakistan nel 1969, Shiroro / Nigeria nel 1978, Ertan Dam / Cina nel 1992, Xiaolangdi / Cina nel 1994, etc.), fino ad arrivare ai lavori per il gigantesco impianto idroelettrico di Gibe, in Etiopia, giunto oggi alla quarta fase (2013).

Alla costruzione delle dighe sono sempre collegati i trasporti di condotte, che costituiscono un’altra parte rilevante del settore delle opere civili. Tra queste, la più recente è la pipeline nei pressi della nuova diga di Gurara, in Nigeria, 60 chilometri di lunghezza con tubi aventi diametro 3 metri.

Strade e ponti

La Divisione Impianti e Progetti di DSV è impegnata nel settore della viabilità al fianco delle maggiori imprese di costruzione. Tra i ponti per i quali ha lavorato la società, va sicuramente citato quello che collega Lagos Island alla terraferma, in Nigeria, che attraversa la laguna di Lagos per una lunghezza di 8.062 metri. Largo 33 metri, ha un’affascinante architettura a 358 campate (1972).

Edilizia abitativa

La Divisione Impianti e Progetti di DSV segue, inoltre, progetti di edilizia abitativa come la costruzione di case ed ospedali. Tra il 1987 ed il 1990 ha seguito i lavori per la costruzione dell’aeroporto sulle isole caraibiche di St Maarten e Antigua. In questo caso, tra le difficoltà logistiche va ricordata l’assenza di porti adeguati a ricevere determinate navi, con la necessità quindi di sbarcare i materiali su pontili, palafitte ed in alcuni casi su spiagge.

I cookies vengono utilizzati da DSV a scopo statistico e di marketing. Utilizzando il nostro sito web, accetti l'utilizzo dei cookies. Se vuoi saperne di più, incluso il modo per revocare il consenso, leggi l'informativa sui cookie. Per saperne di più